giovedì 22 giugno 2017

Oggi leggiamo Giorgio Caproni: "Versicoli quasi ecologici"


Versicoli quasi ecologici

Non uccidete il mare,
la libellula, il vento.
Non soffocate il lamento
(il canto!) del lamantino.
Il galagone, il pino:
anche di questo è fatto
l’uomo. E chi per profitto vile
fulmina un pesce, un fiume,
non fatelo cavaliere
del lavoro. L’amore
finisce dove finisce l’erba
e l’acqua muore. Dove
sparendo la foresta
e l’aria verde, chi resta
sospira nel sempre più vasto
paese guasto: «Come
potrebbe tornare a essere bella,
scomparso l’uomo, la terra».

Giorgio Caproni

(Dalla raccolta Res Amissa - 1991)



 Foto di Leo Sinzi (zio-silen)



Nessun commento: